POSTA
Oggi è

Il Prefetto di Salerno chiede a Poste Italiane di sospendere la soppressione di 12 uffici nel Cilento e Vallo di Diano

Archviato in: Dalla provincia,Notizie | Versione stampabile Versione stampabile

Una prima vittoria per i sindaci dei comuni del Cilento e Vallo di Diano interessati dalla soppressione degli Uffici Postali.  Il Prefetto di Salerno Sabatino Marchiopostenne ha chiesto a Poste Italiane la sospensione del provvedimento che sancisce la chiusura dei 12 centri Postali nel Cilento e Vallo di Diano. Si attende a stretto giro la convocazione di un tavolo di concertazione che verifichi meglio la questione.  La lettera inviata dal Prefetto ai Sindaci e alla filiale di Sala Consilina, responsabile dei procedimenti, segue alla richiesta dei sindaci fatta proprio al Prefetto per la convocazione di un tavolo istituzionale che oltre ad esaminare il problema, potesse apportare modifiche al Provvedimento di Poste italiane, sulla base della rilevanza pubblica reale dei servizi soppressi. “A questo punto – spiega Daniele Manzolillo assessore al Comune di Teggiano, come riportato nel comunicato inviato – ci aspettiamo che il dirigente di Salerno, dottor Bilotta, considerato che il Prefetto rappresenta il Governo voglia immediatamente dare attuazione alla sua richiesta di sospensione”.  Nella sua lettera il Prefetto considera le preoccupazioni ed il disappunto dei sindaci e la loro richiesta della convocazione urgente del Tavolo istituzionale. “In vista della imminente convocazione del tavolo – scrive – si invita a soprassedere per il momento ad ogni iniziativa relativa alla soppressione di detti uffici”. Le azioni messe in campo hanno prodotto la richiesta al Prefetto, un documento firmato da tutti i sindaci ed indirizzato alle Istituzioni e una interrogazione parlamentare di Guglielmo Vaccaro, sollecitata dal consigliere regionale Donato Pica. Lunedì l’argomento sarà trattato in Consiglio Provinciale. Gli uffici postali interessati sono quelli di Villa Littorio a Laurino, Marina di Pisciotta e Ca­prioli, Lentiscosa a Camerota, Bosco a San Giovanni a Piro, San Marco di Teggiano, Santa Marina, Pattano a Vallo della Lucania, Pellare a Moio della Civitella, Perrazze a Palomonte, Pioppi nel comune di Pollica e infine Acquavella a Casal Velino.

Link breve:

Scritto da su 18 Dicembre 2009. Archviato in Dalla provincia, Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi