Oggi è

Napoli Map Fair la prima fiera del Mezzogiorno dedicata alle antiche mappe ed alla cartografia

Archviato in: Culture | Versione stampabile Versione stampabile

Tutto pronto per la prima edizione di “Napoli Map Fair”, la mostra mercato specializzata, dedicata alla cartografia, agli atlanti, ai libri di viaggio ed alla vedutistica nella stampa antica. Una particolare sezione sarà dedicata al Regno della Due Sicilie. L’importante evento, che vedrà la partecipazione di espositori da tutta Italia e da Parigi, si svolgerà dal 31 marzo al 2 aprile a Pozzuoli (Napoli) negli antichi spazi di Villa Avellino, una dimora che risale al 1540. L’ingresso sarà libero, per consentire, visto l’interesse e l’unicità dell’appuntamento, una grande partecipazione di pubblico. L’organizzazione si deve allo Studio Bibliografico Morghen – operativo a livello internazionale con le sue sedi tra Roma e Salerno- guidato da Gabriele Barbone che spiega le ragioni che hanno portato ad organizzare la fiera: “La mostra nasce per rimediare ad un vuoto da sempre presente, in ambito meridionale, sul mercato del collezionismo. Mi riferisco proprio alla cartografia ed alla vedutistica. Puntiamo a creare un polo di settore, come a Milano”. A giudicare dalle richieste, sia in riferimento agli espositori che per quanto riguarda il grande pubblico dei collezionisti, si prevede un grande afflusso. “Ci sono tutte le premesse – prosegue l’organizzatore – per andare in questa direzione e puntare a far diventare l’appuntamento un evento fisso, annuale”. La fiera è lieta di avere come sponsor ufficiale AbeBooks.it, il marketplace di riferimento per gli appassionati di libri e collezionismo cartaceo, come mappe, stampe, vedute e rarità bibliografiche. Tra i pezzi di grande rarità e valore, ci sarà una antica mappa della città santa di Gerusalemme, risalente al 1590 e realizzata dal cartografo Christian Adrichom. La mappa è rimasta un punto di riferimento urbanistico e di fede, per i tanti pellegrini, per quasi tre secoli, fino alle scoperte archeologiche del XIX secolo.

Uno dei contributi più importanti del grande foglio cartografico (misure 78,2 x 55,3) è l’identificazione di Adrichom dei luoghi di quattordici siti della via Crucis, che sono accettati ancora oggi.

Link breve:

Scritto da su 17 marzo 2017. Archviato in Culture. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi