Oggi è

Ad Amalfi l’Umbria vista dal cielo

Archviato in: Culture,Dalla provincia,In evidenza | Versione stampabile Versione stampabile

Il restauro di un’opera d’arte gravemente danneggiata dal sisma che ha colpito l’Umbria il 30 ottobre 2016. È questo l’obiettivo della mostra In volo sull’Umbria che, dopo essere stata inaugurata a Roma dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e successivamente esposta al MAG MetaMorfosi Art Gallery di Spoleto, arriva all’ex Arsenale della Repubblica Marinara di Amalfi sede del Museo della Bussola.

Con il patrocinio della Regione Campania, in collaborazione con il Comune di Amalfi e dall’Assessorato comunale alla cultura e con l’organizzazione di MetaMorfosi, la mostra ad ingresso gratuito allestita sotto le grandi volte a crociera dell’unico esempio italiano di antico arsenale dell’epoca delle Repubbliche Marinare, dal 29 luglio al 24 settembre 2017 racconterà il territorio umbro attraverso 40 straordinarie immagini aeree del perugino Paolo Ficola: verde rigoglioso e paesaggi antichi e affascinanti mescolati in una ragnatela di colline, valli, centri storici, fiumi e laghi che, negli scorsi mesi, sono stati feriti da un sisma devastante.

Paolo Ficola ha scattato oltre 11.500 foto dall’alto, per un totale di 260 ore di volo, dal 2009 al 2016. Per la mostra sono stati selezionati una quarantina di scatti che, dall’aereo, mostrano gli scorci più suggestivi e i luoghi più affascinanti del territorio umbro, accompagnati da alcune citazioni di artisti e scrittori che “raccontano” in modo originale il territorio “polmone” dell’Italia.

Nata e promossa da un’idea della Vicepresidente della Camera dei Deputati, Marina Sereni, In volo sull’Umbria vuole anche portare un contributo concreto alla rinascita del patrimonio culturale umbro danneggiato dal terremoto. Dopo la tappa di Amalfi, infatti, Spoleto accoglierà il 30 ottobre, a Palazzo Bufalini, l’evento di consegna della somma raccolta con la vendita delle foto di Paolo Ficola. Molte ad oggi le prenotazioni per l’acquisto, dopo il periodo espositivo romano, alle quali si aggiungeranno quelle raccolte grazie alle esposizioni di Spoleto e Amalfi.

«L’iniziativa della Vicepresidente della Camera dei Deputati Marina Sereni ci ha subito trovati d’accordo e come MetaMorfosi abbiamo voluto subito mettere a disposizione i nostri spazi MAG MetaMorfosi Art Gallery di Spoleto e di Amalfi – spiega il Presidente di MetaMorfosi Pietro Folena. – Dopo Spoleto, quindi, dove in quindici giorni l’esposizione è stata visitata da migliaia di persone, abbiamo quindi voluto coinvolgere anche Amalfi, con il suo importante flusso di turisti. Il sindaco Milano e l’assessore Cobalto ci hanno offerto il loro sostegno e la loro collaborazione condividendo con entusiasmo questa iniziativa con l’obiettivo di dare un contributo concreto al restauro di una delle tante meravigliose opere d’arte offese dal sisma. MetaMorfosi ha nel suo Dna la cura e la valorizzazione del patrimonio artistico italiano e questa mostra, con il sostegno a quello umbro che rappresenta indubbiamente il fiore all’occhiello della ricchissima produzione nazionale, va in questa direzione».

Alla presentazione del progetto espositivo, oltre a Marina Sereni, presenti anche il sindaco di Amalfi Daniele Milano e l’assessora alla cultura Enza Cobalto. A fare gli onori di casa Pietro Folena, presidente di MetaMorfosi.

Link breve:

Scritto da su 27 luglio 2017. Archviato in Culture, Dalla provincia, In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi