Oggi è

“L’assenza di Dio è fonte di disgrazia”

Archviato in: Mondo cattolico | Versione stampabile Versione stampabile

“La devozione a San Pio da Pietrelcina vi ha portato qui numerosi per celebrare la Pasqua di Gesù che si rinnova nell’Eucaristia”. Con queste parole il nostro Arcivescovo Primate, S.E. mons. Luigi Moretti, ha iniziato la sua omelia nel giorno della Festa di San Pio celebrata sabato 23 settembre nella cattedrale di Salerno alla presenza di tutti i Gruppi di preghiera provenienti dall’intera diocesi di Salerno e di Rita Occidente Lupo, responsabile diocesana.

“La vita di san Pio è stata una conformazione a Dio per ritrovarsi nelle sue vie. La sua Missione è stata rivolta principalmente alla preghiera e a far prendere consapevolezza agli uomini che la sua assenza è fonte di disgrazia, per far prendere coscienza della gravità del vivere senza di Lui”- le sue parole rivolte e seguite attentamente dall’intera assemblea che ha gremito la cattedrale. Momento clou  e atteso nell’ambito della celebrazione presieduta dall’adorazione eucaristica e del Santo Rosario meditato è stata la presentazione all’Arcivescovo e la conseguente consacrazione alla Vergine Maria dei bambini, così come ha in vita sempre desiderato san Pio. Il più piccolo portato in braccio dalla madre con al collo il minuscolo  foular dei gruppi di San Pio, appositamente cucito per lui, ha solo nove mesi.

“Gesù ci dice chi mi ama osserva la mia Parola-ha proseguito l’Arcivescovo- che la Parola diventi luce ai nostri passi, chiediamo al Signore che ci faccia fare esperienza dell’Amore gratuito per cogliere nel nostro cuore il rammarico della nostra mediocrità”.

Link breve:

Scritto da su 25 settembre 2017. Archviato in Mondo cattolico. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi