Oggi è

Esperienze di misericordia

Archviato in: In evidenza,Mondo cattolico | Versione stampabile Versione stampabile

 Un anno fa, esattamente l’8 novembre 2016 veniva inaugurata nel territorio parrocchiale di S. Eustachio a Brignano la Domus Misericordiae, la Casa della Misericordia, struttura di accoglienza e ospitalità per detenuti soggetti a misure alternative alla detenzione e a persone senza fissa dimora. La Casa dove i detenuti possono incontrare periodicamente i propri familiari è nata dall’impegno tra più associazioni e dei volontari dell’Associazione Migranti senza frontiere e tende a favorire il reinserimento sociale dei detenuti. Deus ex machina dell’iniziativa è stato don Rosario Petrone, cappellano della Casa Circondariale di Fuorni.

I detenuti a Brignano hanno l’impegno della manutenzione della casa e di dipingere i ceri pasquali utilizzati nelle diocesi di Salerno-Campagna-Acerno e di Nocera Inferiore-Sarno. I volontari aiutano i detenuti agli arresti domiciliari, sensibilizzando l’opinione pubblica al tema del reinserimento sociale. Per loro oltre all’alloggio, vitto, assistenza medica, psicologica, spirituale e legale, mediazione culturale e poi inserimento sociale e lavorativo.

E proprio oggi nella Casa Circondariale di Fuorni si è svolto un momento di grande emozione e crescita formativa per ben venti persone detenute: dopo il percorso di formazione curato dal RnS hanno ricevuto la preghiera di effusione.

Tassello importante nel cammino del Rinnovamento in quanto strumento di conversione anche per quanti condividono la loro esperienza restrittiva dietro le sbarre.

Link breve:

Scritto da su 4 novembre 2017. Archviato in In evidenza, Mondo cattolico. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi