Oggi è

“Vorrei ma non posto”, l’evento contro il bullismo ed il cyberbullismo al Centro Sociale di Salerno

Archviato in: Culture | Versione stampabile Versione stampabile

“Vorrei ma non posto… come dare un senso ai social” è il titolo scelto per l’evento che si terrà a Salerno il prossimo 5 febbraio al Centro Sociale di Salerno in occasione della Settimana Regionale contro il Cyberbullismo ed il Bullismo ed alla campagna “No hate speech”, promossa dal Consiglio di Europa contro la discriminazione ed il razzismo online. L’appuntamento in programma al Centro Sociale è solo la conclusione di un percorso che ha coinvolto gli studenti degli istituti superiori di I° e II° grado della provincia di Salerno e nell’Università di Salerno e professionisti come gli avvocati,  Valentina Sivoccia e Alessalandro Campagnuolo; le animatrici specializzate, Martina Palumbo e Valentina Pisapia; Simona Lombardi, esperta in comunicazione sociale nonchè gli psicologi Pamela Ursoleo, Carolina Vastola e Fabio Martino e l’assistente sociale, Rosaria Maschione.  

Patrocinato dal Comune di Salerno e di Pontecagnano Faiano e coordinato da Luciana M. Ranieri, progettista europea, “Vorrei ma non posto… come dare un senso ai social” è promosso dall’Associazione A Voce Alta Salerno ed ha la finalità di educare ad un uso corretto della rete al fine di porre un freno ai fenomeni di cyberbullismo e cyberviolenza.

 

Link breve:

Scritto da su 26 gennaio 2018. Archviato in Culture. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi