Oggi è

La dolcezza del Perdono

Archviato in: Mondo cattolico | Versione stampabile Versione stampabile

 

 In attesa del Sinodo dei Giovani previsto nel mese di ottobre si svolgerà l’8 e il 9  marzo anche nella diocesi di Salerno: 24 ore per il Signore-Presso di te è il perdono. Il vangelo di ieri ci ha ricordato l’impegno a perdonare sempre proprio per sperimentare in prima persona la dolcezza di essere a nostra volta perdonati.

 “24 ore per il Signore” ispirato al versetto del Salmo 130: Presso di te è il perdono è un appuntamento quaresimale che  si rinnova per riscoprire il sacramento della Riconciliazione e la speranza che nasce in quanti lo vivono e non solo durante il periodo di preparazione alla Pasqua di Risurrezione del Signore.

 L’iniziativa nata a Roma cinque anni fa si è rapidamente diffusa. Anche quest’anno in ogni Diocesi d’Italia almeno una chiesa rimarrà aperta per 24 ore consecutive in modo da offrire a tutti la possibilità della preghiera di adorazione e la possibilità di confessarsi anche oltre l’orario di impegno lavorativo. La novità di quest’anno sarà l’adesione dei cappellani degli istituti penitenziari, che organizzeranno con i detenuti meditazioni e accompagnamento alla preghiera. Nelle chiese in tutto il mondo, invece, si celebrerà l’adorazione eucaristica e sarà data a tutti l’opportunità di sperimentare con la confessione l’abbraccio del Signore e la cura della nostra vita. Alcune parrocchie resteranno aperte anche di notte, altre prolungheranno gli orari consueti.

Nella nostra Arcidiocesi la chiesa di San Pietro in Vinculis in piazza Portanova resterà aperta l’8  e il 9 marzo dalle 8.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 22.00 per l’adorazione e sarà offerta a tutti la possibilità di ricevere il Sacramento della Riconciliazione grazie alla presenza di molti sacerdoti. 

Link breve:

Scritto da su 7 marzo 2018. Archviato in Mondo cattolico. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi