Oggi è

Il Maggio dei Monumenti tra i fasti dell’Antica Repubblica Marinara

Archviato in: Culture | Versione stampabile Versione stampabile

Tre weekend di arte e cultura per il Maggio dei Monumenti ad Amalfi. Per riscoprire la straordinaria storia della città, dei suoi splendidi scorci e dell’Arsenale della Repubblica, luogo ricco di fascino e simbolo dell’antico splendore della Repubblica Marinara. “Maggio dell’Arsenale” è il nome del programma di iniziative promosse dal Comune di Amalfi da domani (12 maggio) e fino al 26 maggio.

Nel mese tradizionalmente dedicato alla riscoperta delle bellezze della Campania, sono previste aperture straordinarie di musei e luoghi normalmente non visitabili, passeggiate urbane, visite tematiche speciali attraverso i templi della cultura di Amalfi, ed attraverso chiese, piazze, vicoli e, naturalmente, il mare. Non mancheranno i laboratori didattici dedicati ai più piccoli, che in alcune sessioni si apriranno anche agli adulti, per portarli alla scoperta dei gioielli, della moneta e dell’arte della carta di Amalfi.

Il programma promosso dal Comune di Amalfi, assessorato alla Cultura e Beni Culturali, Eventi e Tradizioni retto da Enza Cobalto e a cura di Mediateur, parte domani con il laboratorio “L’alfabeto al tempo della Repubblica Marinara”, appuntamento con la scrittura medioevale pensato per le scuole superiori.

Sabato 19 e domenica 20 maggio Festa dei Musei 2018. Due passeggiate urbane accompagneranno alla riscoperta del glorioso passato di Amalfi, entrambe con partenza alle 10.30 dal Museo della Bussola e del Ducato Marinaro di Amalfi – Arsenale della Repubblica. Negli stessi giorni, alle 19.30, l’Antico Arsenale sarà teatro di un “Viaggio d’Oriente”, un tour guidato speciale tra gli spazi dell’unico esempio visitabile di cantiere navale medievale in Italia meridionale. Per festeggiare al meglio l’evento, per la prima volta un biglietto unico di 5 euro collegherà in rete il Museo della Bussola e del Ducato Marinaro – Arsenale della Repubblica, il Museo della Carta, il Museo della Civiltà Contadina Arti e Mestieri, l’ex Oratorio e la Cripta di San Filippo Neri. Un’occasione unica per visitarli insieme..

Il programma si conclude Sabato 26 maggio con “Gioiellieri d’altri tempi”, laboratorio di oreficeria medievale che vedrà i partecipanti alle prese con fogli di rame, punteruolo e tecnica a sbalzo per la realizzazione di personalissimi gioielli ispirati al tarì amalfitano. In questo caso, triplo appuntamento alle ore 9.30, alle 11.30 riservato alle scuole medie e superiori e alle 16.30 dedicato al pubblico di tutte le età, dai 9 ai 99 anni.

Link breve:

Scritto da su 11 maggio 2018. Archviato in Culture. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi