Oggi è

Brinda la Salernitana, calice amaro per il Rezzato. Il 6 a 1 regala l’Entella in Coppa Italia

Archviato in: Calcio,In evidenza,Notizie,Sport | Versione stampabile Versione stampabile

Brinda la Salernitana. Sei volte. Calice amaro per il Rezzato. Il passaggio al terzo turno della Coppa Italia, affrontando una formazione di serie D, porta la firma di Bocalon (doppietta), Vuletich, Volpicelli, Odjer e Castiglia. I lomardi trovano il pareggio, momentaneo, con Bruno. I ragazzi di Colantuono dovranno vedersela con l’Entella: tris rifilato al Siena. LA PARTITA. E’ un Arechi “infuocato”. Ma solo per il caldo, durante i primi giri di lancette. Castiglia, professione centrocampista, è l’unico a provarci: precisione e pizzico di fortuna non sono dalla sua parte. I granata (questa sera in bianco), nonostante la buona volontà, non trovano lo spiraglio adeguato per superare l’arcigno pacchetto arretrato lombardo. Anzi, al minuto venti, sono proprio gli arancioni a non sfruttare con Caridi (vecchia conoscenza di Grosseto e Pro Vercelli) una ottima chance a pochi passi dal nuovo numero uno campano Micai. Risposta dei padroni di casa, poco convincente, con Vuletich e Mantovani. Non riesce a far meglio Bocalon (31′), conclusione abbondantemente fuori misura. La Salernitana non appare lucida ed il Rezzato tiene botta. Centoventi secondi più tardi, però, è il primo vero “orrore” difensore avversario a cambiar volto alla contesa. Lancio di Schiavi, l’ex punta dell’Alessandria elude la trappola del fuorigioco e con un morbido tocco supera Zanellati. Il vantaggio rilassa i granata. Ad inizio ripresa sono i lombardi a fare la partita. Sottovia a Caridi mettono a dura prova la rapidità ed i riflessi di Micai. Il pareggio è comunque dietro l’angolo. Traversone di Coly (15′), Vitale perde di vista il diretto avversario e Bruno (vizio del gol sempreverde) insacca comodamente di piatto. La Salernitana si rimbocca le maniche ed al diciassettesimo, ballando il “tango argentino”, trova il raddoppio. Casasola assiste e Vuletich di testa non perdona. L’undici di Gardano, pur con gli ingressi di Sodinha e l’ex Siniscalchi, accusa il colpo. Schiavi e Di Roberto sfiorano il tris, Bocalon (23′) firma la personale doppietta ed il tre ad uno: ancora su servizio di Casasola. Brinda alla coppa anche il neo entrato Volpicelli. Corsa, doppio passo e poker servito con una bordata davvero niente male. A sei minuti dal triplice fischio di chiusura, invece, è la volta di Odjer. Applausi a scena aperta per il suo destro dai trenta metri. Nel recupero arriva l’autografo di Castiglia. E’ un 6 a 1, in attesa dell’Entella e del campionato, che fa morale. (www.asalerno.it)

Link breve:

Scritto da su 6 agosto 2018. Archviato in Calcio, In evidenza, Notizie, Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi