Oggi è

È Vento di Speranza

Archviato in: Mondo cattolico | Versione stampabile Versione stampabile

Domenica 17 marzo 2019, a partire dalle ore 19.30 presso il Palazauli di Battipaglia si terrà un incontro di fede e di festa dal titolo “(È) Vento di speranza” animato dalla Corale Regionale del Rinnovamento nello Spirito Santo.

Mons. Arturo Aiello, Vescovo di Avellino, introdurrà al tema della Speranza cristiana che accompagna lo svolgersi di tutto il Giubileo e l’Arcivescovo di Salerno. Il nostro Arcivescovo primate S.E. mons. Luigi Moretti, interverrà per un  saluto all’assemblea.  L’evento si svolge proprio in preparazione all’inizio del Giubileo della Speranza, un anno di grazia, in cui si celebrano duecento anni dall’arrivo a Battipaglia del quadro della Madonna della Speranza. 

La Chiesa di Santa Maria della Speranza di Battipaglia è il primo importante edificio sacro sorto sul territorio. Il monumento prende il nome da una cappella della famiglia Franchini, aperta al culto pubblico nel 1876 grazie al decreto di Mons. Guadalupi, in seguito all’insediamento del primo nucleo urbano di Battipaglia, tra il 1857 e il 1860. La cappella era caratterizzata dalla presenza di un quadro rappresentante la Vergine della Speranza poi trasferito nella chiesa più grande, costruita nello stesso luogo sul quale sorgeva la cappella. Nel 1910 si ritiene sia stato perduto il quadro originale mentre i lavori per l’erezione della nuova chiesa terminarono nel 1917.

Nel 1941, i PP. Stimmatini di Verona furono invitati a curare pastoralmente la parocchia dall’allora Arcivescovo S.E. Mons. Nicola Monterisi. Nel corso del secondo conflitto industriale il monumento fu interessato da importanti bombardamenti; la sua ricostruzione ebbe luogo nei primi anni successivi al conflitto mondiale e fu terminata il 22 dicembre del 1959.

Link breve:

Scritto da su 15 Marzo 2019. Archviato in Mondo cattolico. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi