POSTA
Oggi è

Domenica al Teatro Genovesi va in scena “Monologo schizofrenico – due voci sul TSO”

Archviato in: Culture,Dalla provincia,In evidenza,Notizie | Versione stampabile Versione stampabile

“In ogni storia c’è un po’ di tutti noi, in tutti noi c’è il condensato gioioso e dolente dell’esistenza”. E’ la frase con la quale Roberto Lombardi inizia a scrivere le note di regia dello spettacolo “Monologo schizofrenico – due voci sul TSO”, di e con Viola Di Caprio, che andrà in scena domenica 24 marzo, alle ore 19, al Teatro Genovesi di Salerno. La direzione di scena è di Valeria Di Lorenzo, gli elementi scenografici sono a cura di Francesco Landi, le foto Giuseppe Pastore. “Monologo schizofrenico” è una coproduzione Compagnia dell’Eclissi e Melediterra Teatrodanza. Il testo ha avuto la menzione speciale al Premio Sipario Autori Italiani 2018. Le repliche sono in programma venerdì 19 aprile e sabato 20 aprile, alle ore 21.15.

Il personaggio che Viola Di Caprio mette su pagina e poi in scena non vuole abdicare, non ha ancora abdicato, deve avere fiducia nel sistema che dice di volerla aiutare, e lei tende la mano, il braccio, ma oltre alla punta di un ago, vorrebbe stringere le dita a chi, armato di un camice bianco, le dice che si prenderà cura di lei. La malattia è un’illusione e la guarigione una vanità; ma la cura, il farmaco, resta l’uomo e il suo rapporto con l’altro.

Sono tre gli interrogativi intorno ai quali è stato costruito lo spettacolo e che Roberto Lombardi riporta nelle note di regia quasi a voler restituire al pubblico una traccia dalla quale partire: “Come si può pesare l’amore, il desiderio, il bisogno su una bilancia che distingue nettamente il bene dal male, il giusto dallo sbagliato? Come si può trovare collocazione in una realtà fatta di commi, di farmaci, dosi, trattamenti? Se il nostro tempo è segnato non dalle nostre emozioni e neppure da un orologio ma da farmaci che ci rallentano, ci velocizzano, se anche il nostro spazio non è dilatato dalla natura che ci circonda o dai ritmi frenetici del vivere quotidiano ma ristretto fino a occupare i centimetri quadrati di un letto di contenzione, di quale libertà – o parvenza di libertà – priva il malato il disturbo che si accanisce a etichettarlo?”

Link breve:

Scritto da su 21 Marzo 2019. Archviato in Culture, Dalla provincia, In evidenza, Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi