- TDS Tele-Diocesi - http://www.telediocesi.it -

Gdf, scoperti 12 lavoratori impiegati “in nero” nel salernitano

Nell’ambito del piano di rafforzamento del dispositivo di sicurezza economico-finanziaria nella stagione estiva, i finanzieri del Comando Provinciale di Salerno hanno effettuato una serie di controlli nella Piana del Sele e lungo la Costiera cilentana. I militari della Compagnia di Agropoli hanno così individuato, a Capaccio Paestum, due strutture formalmente intestate ad associazioni culturali e ricreative senza scopo di lucro, di fatto dei veri e propri ristoranti.

All’atto dell’intervento, infatti, le Fiamme Gialle hanno accertato che gli avventori non erano soci, bensì dei normali clienti. In un caso, il titolare dell’esercizio commerciale aveva addirittura pubblicizzato la propria attività sui social network, peraltro ricevendo tantissime recensioni positive sia per la location sia per i piatti proposti. Le attività ispettive hanno consentito di accertare che 10 dipendenti(camerieri, cuochi e pizzaioli) lavoravano completamente in nero, in quanto non risultavano in alcun modo assunti. Uno dei due ristoranti è stato immediatamente chiuso, in quanto il personale non in regola superava il 20% del totale dei lavoratori presenti.

In entrambi i casi è stata comunque comminata la “maxi-sanzione” amministrativa, che può arrivare anche a 3.600 euro per ciascun dipendente non assunto. I ricavi “in nero” realizzatidai due esercizi nell’arco di quattro anni ammontano a circa 300mila euro.

In un altro intervento i Finanzieri agropolesi hanno scoperto, in uno stabilimento balneare di Paestum, due barman completamente in nero. In questo caso, il titolare della struttura rischia una sanzione fino a 7.200 euro.

Le operazioni concluse confermano l’attenzione della Guardia di Finanza verso il “lavoro nero” e l’evasione fiscale, considerato che lo sfruttamento della manodopera, oltre a ledere i diritti dei lavoratori, privandoli delle tutele assistenziali e previdenziali, genera situazioni di concorrenza sleale, a discapito delle tante imprese che operano invece nel rispetto delle regole.