POSTA
Oggi è

Epifania solidale per l’Accademia “Alfonso Grassi”

Archviato in: Culture,Sociale | Versione stampabile Versione stampabile

La Befana dell’Accademia “Alfonso Grassi” di Salerno domani (mercoledì 6 gennaio 2010) farà sosta al centro di via Porta Elina per poi volare verso Ibamba, il piccolo villaggio africano, nel quale continuano gli interventi di solidarietà. Dopo la costruzione della scuola elementare intitolata ad Alfonso Grassi,  grazie alla sensibilità dei soci dell’Accademia ed ai tanti artisti che ruotano intorno al centro si è al lavoro per la realizzazione di un pozzo. Ecco perché l’asta di beneficenza in programma domani pomeriggio alle ore 18.30 riprende il titolo del progetto solidale “H2O”. Sarà così un’Epifania particolare quella che si vivrà nel salotto dell’Accademia, diretta da Raffaella Grassi. Nel corso della serata si potrà partecipare ad una vera e propria asta di opere d’arte e giocattoli per i più piccoli il cui ricavato andrà a sommarsi a quanto raccolto nel 2009. “Grazie alla sensibilità dimostrata da tempo dai salernitani siamo riusciti a terminare la scuola di Mugogo, progettata dall’ingegnere Carmelo Pizzolante, ed intitolata a mio padre – spiega Raffaella Grassi – Si tratta di un complesso modulare in grado di espandersi ulteriormente. Ogni aula è grande 48 metri quadrati. Grazie alla C.O.M.I.S. e all’instancabile operosità di Don Andrea Vece, parroco della Chiesa “Madonna di Fatima (Pastena) e missionario in Africa oggi siamo in prima linea con questo nuovo progetto”. Come di consueto per gli appuntamenti del salotto culturale dell’Accademia “Alfonso Grassi” non mancheranno anche nel giorno della Befana gli intermezzi musicali, affidati ai “Via Nova” di e con Marco Petillo. Sempre da domani e per una settimana sarà possibile ammirare alcuni esempi di opere presepiali che hanno partecipato all’ultima edizione del concorso “Natale ieri ed oggi”. Per maggiori informazioni: 338 7581195 – 089 236060.

Link breve:

Scritto da su 5 Gennaio 2010. Archviato in Culture, Sociale. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi