- TDS Tele-Diocesi - https://www.telediocesi.it -

Direttore d’orchestra granata, tocca a Volpi

Sergio VolpiRegista, colui che dirige. Quale miglior qualità per risollevare la Salernitana? Il nome del candidato numero uno è Sergio Volpi, attualmente alla Reggina ma ai margini della formazione amaranto da moltissimo tempo. Dall’amaranto al granata, quindi, per un calciatore di grande esperienza. L’accordo con il presidente Foti è stato raggiunto, adesso bisogna ascoltare la volontà del giocatore. Cresciuto calcisticamente nel Brescia, fa la sua prima esperienza di rilievo nella stagione 1994-1995 in prestito alla Carrarese, in serie C1, dove fa registrare 23 presenze ed un gol. Ritornato al Brescia, passa quindi al Bari nel 1996: la squadra pugliese viene promossa in serie A, e Volpi vi fa il suo esordio l’anno successivo. Nel luglio 1998 viene acquistato dal Venezia, dove trova l’allenatore Walter Novellino. Dopo due anni di permanenza nella società veneta, segue Novellino al Piacenza, squadra che ottiene una promozione dalla serie B, e poi il decimo posto in serie A. Nel 2002 il nuovo presidente della Sampdoria, Riccardo Garrone, già storico sponsor della società, si rivolge a Novellino con lo scopo di riportare la squadra alla serie A. L’allenatore accetta l’incarico, e porta con sé Volpi. Al primo anno la squadra ottiene la promozione in serie A, e Volpi realizza 8 gol, suo attuale record di marcature. Con la Sampdoria riesce a fare le prime esperienze in Coppa UEFA segnando anche un gol. Nella stagione 2007-2008 gioca ancora come capitano nella Sampdoria. Nel mese di gennaio 2008 viene per la prima volta escluso dalla formazione titolare della squadra blucerchiata. Il 10 giugno 2008, dopo sei anni a Genova, la società gli consente di rescindere consensualmente il contratto. Viene ingaggiato dal Bologna, neopromosso in serie A.Il 19 ottobre 2008 firma il suo primo goal, su punizione, con la maglia rossoblù nel match casalingo contro la Lazio (3-1). Firma un gol decisivo ai fini della salvezza per il Bologna al 94′ minuto contro il Lecce.