- TDS Tele-Diocesi - https://www.telediocesi.it -

Per Capodanno raddoppia il Mercatino a S. Agostino

I mercatini allestiti in tutto il centro storico di Salerno per il “Natale in Fiera”, rimarranno aperti tutti i giorni, dalle 10 alle 23, in una no stop fino al pomeriggio del giorno di S. Silvestro, il 31 dicembre. Con una novità: gli stand di piazza tempio di Pomona confluiranno nel mercatino di S. Agostino che raddoppia e diventa ancora più grande, attestandosi tra i siti più frequentati del centro storico per queste feste. Rimarrà aperto anche il mercatino di Largo S. Petrillo, nel cuore di via Mercanti. Un grande sforzo di artigiani ed espositori, in circa 120 stand, che offriranno il meglio dei prodotti del territorio e non solo (c’è anche un’appendice con prodotti artigianali della Tunisia) per consentire alle migliaia di visitatori provenienti da ogni parte della Campania di acquistare regali alternativi e originali. presso Salerno Arte e Caffè, in piazza Alfano I, accanto al Duomo di Salerno. Proseguono anche le esibizioni degli artisti di strada, delle street band e dei musicisti itineranti. Questi giorni rappresentano inoltre un momento privilegiato per visitare il percorso dei presepi: da quello di S. Agostino, con la riproduzione dei maggiori monumenti di Salerno, al presepe dipinto di Mario Carotenuto nella sala S. Lazzaro del Duomo di Salerno. C’è poi la grande mostra dei 100 presepi all’Addolorata, con presepi della tradizione del Settecento Napoletano e allestimenti plastici della natività concepiti da artisti e creativi della ceramica in forme sorprendenti ed avveniristiche. La rassegna si conclude il 17 gennaio 2011, quando in piazza tempio di Pomona si svolge “La notte del fuoco- Alchimie della ceramica raku”: nel giorno in cui si celebra S. Antonio Abate, patrono dei ceramisti si tiene uno straordinario happening che richiama ogni anno diversi artisti a confrontarsi tra di loro e a cimentarsi dal vivo con l’antica tecnica ceramica di origine orientale. Il “Natale in Fiera” è promosso dalla Bottega S. Lazzaro con il Comune di Salerno. La direzione artistica è di Andrea Carraro, quella organizzativa di Giuseppe Natella. Gli altri partner istituzionali e privati sono: Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, Coldiretti, Associazione Erchemerto, Associazione I Mercanti del Centro Storico, Associazione Hortus Magnus.