POSTA
Oggi è

Oltre duemila giovani a Cava de’ Tirreni, contro la mafia, per l’iniziativa nazionale “Gerbera Gialla 2011”

Archviato in: Dalla provincia,In evidenza | Versione stampabile Versione stampabile

E’ in programma per martedì 10 maggio, alle ore 9.00, allo stadio comunale “Simonetta Lamberti” di Cava de’ Tirreni, in corso Giuseppe Mazzini, la manifestazione denominata “Gerbera gialla”. La cittadina metelliana verrà invaso da oltre duemila giovani provenienti da ogni parte d’Italia perché, con un corteo lungo quanto l’intero secolare “borgo porticato metelliano”, affinché si alzi un fiore, la gerbere gialla, per non dimenticare ed esprimere, con forza, l’amore sull’odio e sulla violenza. Forza che non conosce resa e che supera qualsiasi barriera, vincendo anche sulla morte.

“Un fiore che nasce dal dolore e dalle lacrime di lutti, ma che consente la rinascita della vita democratica, attraverso l’impegno di ognuno, per prendersi la propria rivincita contro il quotidiano minato dalle morti violente per mano della mafia, della camorra e dalla mala vita organizzata”, questo, in sintesi, il messaggio che ha lanciato l’assessore alla Pubblica Istruzione, Vincenzo Passa.

Il percorso nazionale della “Gerbera Gialla 2011” avrà la base di partenza da Cava de’ Tirreni per proseguire poi per Santa Maria La Carità, Oppido Mamertina, Roma, Palermo, Firenze e Bardolino sul Lago di Garda. I giovani partecipanti, appartenenti alle scuole medie inferiori e superiori, verranno accolti nello Stadio Simonetta Lamberti ed alle 9,30 percorreranno corso Giuseppe Mazzini e corso Umberto I per fermarsi in piazza Vittorio Emanuele III ove, sul palco, verranno salutati da Annamaria Procaccini, mamma della compianta concittadina Simonetta Lamberti, e dalle massime autorità civili, militari e religiose che converranno da tutta la regione Campania.

Link breve:

Scritto da su 2 Maggio 2011. Archviato in Dalla provincia, In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi