POSTA
Oggi è

Roberto Lombardi in scena al Teatro Genovesi con “Diversamente abile”

Archviato in: Culture,In evidenza | Versione stampabile Versione stampabile

“Essere italiani è un mestiere”. Con le parole di Jannis Kounellis, Roberto Lombardi presenta il suo nuovo spettacolo, “Diversamente Abile” in programma sabato (19 novembre) e domenica (20 novembre) al Teatro Genovesi di Salerno (via Principessa Sichelgaita) per il cartellone firmato dalla Compagnia dell’Eclissi e realizzato in collaborazione con l’Istituto Tecnico “Antonio Genovesi”. “Diversamente Abile – alcuni pezzi non facili” vuole essere uno strumento di lettura del “metodo all’italiana” che lo stesso Lombardi Lombardi definisce come ciò che “fa di noi abitanti dello Stivale i perenni “diversi” e “abili” d’Europa”.
Dalle tavole del palco di via Sichelgaita, l’attore salernitano racconterà come “non si può essere cittadini italiani se non a costo di un lungo e faticoso apprendistato, a cui sempre meno italiani sono disposti a sottoporsi. Vi riescono meglio tanti extracomunitari, che sembrano ben avviati sulla buona (e cattiva) strada dell’italianità. Ma tutti, i vecchi come i nuovi italiani, per sopravvivere devono quotidianamente fare i conti con i privilegi dei pochi che contano più dei diritti dei molti; gli scandali che vanno da destra a sinistra, fermandosi al centro; la criminalità più che organizzata; un apparato statale sempre meno res pubblica; la scelleratezza politica; l’avventatezza culturale. Dimenticavo: la crisi (ma che cos’è questa crisi?!). E per raggiungere lo scopo ognuno di noi è costretto a inventarsi una “diversa abilità”. Insomma, se è vero che l’Italia è fatta, gl’italiani, in quanto italiani, sono ancora dei precari”. Ad avere un ruolo centrale in questo spettacolo di Lombardi è proprio il precario, perennemente scontento ma già abituato alla propria condizione”.
  A far da bussola in questo navigare teatrale è il linguaggio, inteso come misura di tutte le cose: in “Diversamente abile” Roberto Lombardi ingrana un meccanismo linguistico che travolge col ritmo forsennato del racconto di un’Italia che vorrebbe, che dovrebbe ma non sa e non può. Forse perché, non duole. Si replica sabato 26 novembre e domenica 27 novembre 2011. Ampio parcheggio gratuito, sala riscaldata. Per informazioni e prenotazioni 089 254524 – 3476178242 – 339 1407293 – sito: www.compagniadelleclissi.it.

Link breve:

Scritto da su 18 Novembre 2011. Archviato in Culture, In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi