- TDS Tele-Diocesi - https://www.telediocesi.it -

Presentato l’Osservatorio Snif per studiare le tematiche della rete internet del futuro

Al campus universitario di Fisciano, nel corso del workshop “Intricati Intrecci: la Rete e i suoi molteplici livelli”, è stato presentato l’Osservatorio Snif, Osservatorio permanente sulle tematiche del Social Networking, della Net Neutrality e della Internet del Futuro, promosso dal Centro Ict dell’Università degli Studi di Salerno e dalla Direzione Studi, Ricerca e Formazione dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

L’Osservatorio si inserisce in uno scenario caratterizzato da una crescente popolarità dei social media, che ne ha decretato un eccezionale successo, fino ad affermarsi come un metro di valutazione della “rete” da parte degli utenti, dall’acceso dibattito sull’opportunità di preservare la neutralità della rete e se questa riesca effettivamente a garantire la libertà di diffondere e ricercare informazioni e dagli sviluppi di internet legati all’ingegneria dei servizi (Internet of Services), dei contenuti e della conoscenza (Internet of Content and Knowledge), dell’interazione con il mondo reale (Internet of Things), il tutto finalizzato a servire le esigenze reali delle persone (Internet of People).

L’incontro si è svolto nel salone delle residenze universitarie ed è stato introdotto dai saluti del rettore dell’Università di Salerno, Raimondo Pasquino e del direttore dell’Adisu, Ciro Romaniello. In apertura sono stati presentati i risultati del progetto Unisa Wi-fi, nato per estendere a tutti gli studenti e operatori dell’Università l’accesso wi-fi alla rete e a suoi servizi. Salvatore Ferrandino ha diffuso dati interessanti: 20mila utenti utilizzano attualmente la rete Unisa, attiva dal 2008. 2000 persone si connettono ogni giorno, con 1500 accessi contemporanei e 100 mbit al secondo di traffico (media mensile)

Massimo De Santo, direttore del Centro Ict d’Ateneo e tra i responsabili dell’iniziativa, ha sottolineato come “l’Osservatorio intende monitorare i social network, occuparsi della Net Neutrality con uno sguardo vigile sugli sviluppi futuri di Internet. Per quanto riguarda le possibilità di collaborazione attiva con il neo-osservatorio, esse si rivolgono innanzitutto ad aziende e partner di spicco che intendono non solo proporre nuovi temi di ricerca, ma anche sponsorizzare i vari progetti dell’Osservatorio Snif. In questo modo Snif si aprirà a collaborazioni esterne con gli studenti soprattutto per attività di stage e ricerca tesi”.

Per l’assessore regionale alla Ricerca, Guido Trombetti: “Internet e le sue sempre più diffuse e pervasive applicazioni costituiscono un fenomeno di innegabile impatto tecnologico, economico e sociale., ha rimarcato la solitudine che ci sarebbe per i giovani senza Internet. La Rete e il Web diventano sempre più gli strumenti di cui i giovani non possono fare a meno. E’ acceso il dibattito sull’opportunità di preservare la neutralità e l’attendibilità delle informazioni in rete: Internet è uno spazio anarchico e questo probabilmente rende necessaria una normativa a garanzia dell’attendibilità delle informazioni diffuse on line”.