POSTA
Oggi è

132 sono le scuole statali nella diocesi di Salerno, 40 le private

Archviato in: In evidenza,Mondo cattolico | Versione stampabile Versione stampabile

C’è chi definisce le scuole dei laboratori di cultura e di umanità e chi, invece, ne attribuisce il ruolo primario di agenzie educative. Il convegno promosso dall’Ufficio di Pastorale Scolastica della diocesi di Salerno-Campagna-Acerno, in programma il prossimo 13 novembre nel Salone dei Marmi di Palazzo di Città, offre lo spunto per scattare una fotografia di quante sono le scuole presenti nel territorio diocesano. Ambito ben diverso da quello provinciale: 40 sono i comuni che rientrano nei suoi confini che vanno da Montoro a Ricigliano.

Sono circa 132 le scuole statali e 40 quelle private (di cui 11 cattoliche) che ne compongono la geografia formativa. La mappa degli istituti cattolici che operano nel territorio diocesano, così come riportato dal sito www.diocesisalerno.it, conta 4 scuole medie, un istituto superiore e 6 tra materne ed elementari.  Dai dati pubblicati sul bollettino diocesano nel capitolo a cura dell’Ufficio di Pastorale Scolastica nell’anno 2010-2011 il totale degli alunni nelle scuole statali è stato di 77903, mentre le scuole private hanno accolto e formato 3153 studenti. La suddivisione: 970 sono gli alunni iscritti nell’anno 2010-2011 alla scuola dell’infanzia di cui uno non si è avvalso dell’insegnamento della religione cattolica; 539 i bambini che siedono tra i banchi della scuola primaria e tutti hanno aderito all’insegnamento della religione cattolica; stessa proporzione per i 257 iscritti alla scuola media privata; alle superiori su 1387 iscritti 2 hanno richiesto di non seguire le lezioni di religione. Il dato che emerge è che è forte l’esigenza di una formazione alla religione cattolica con l’oltre 98% degli studenti delle scuole statali – dall’infanzia alla scuola superiore di secondo grado – che hanno detto “si” all’ora di religione.

Link breve:

Scritto da su 7 Novembre 2012. Archviato in In evidenza, Mondo cattolico. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi