POSTA
Oggi è

Barbuti Festival, musica sotto le stelle. Sul palco del centro storico i Malvarosa. Premi a Peppe Barra e Mario Carotenuto

Archviato in: Culture,In evidenza,Notizie,Spettacoli,Vetrina | Versione stampabile Versione stampabile
MALVAROSA
Doppio appuntamento con la musica al Teatro dei Barbuti, nel centro storico di Salerno. Stasera lunedì 24 agosto, alle ore 21.15, nel centro storico di Salerno, per la XXX edizione della rassegna estiva di teatro “Barbuti Festival, concerto dell’ensamble I Malvarosa, fondato da Maurizio Cogliani. Sul palco: Marino Cogliani voce, chitarra,  mandolino, Maurizio Cuomo alla chitarra,  Mimma Virtuoso voce. Il concerto sarà strutturato come un viaggio nelle canzoni classiche napoletane di ieri e di oggi .L’Ensemble Malvarosa, formatosi nel 1990, si prefigge il recupero e la valorizzazione di un vasto repertorio di canzoni e romanze appartenenti alla  migliore tradizione napoletana, risalenti prevalentemente all’Ottocento e alla prima metà del Novecento.

Domani, martedì 25 agosto, alle ore 21.15, nel centro storico di Salerno, per la XXX edizione della rassegna estiva di teatro “Barbuti Festival”, in scena Mariano Rigillo e Annateresa Rossini in “Mare, amore e De Pretore”, spettacolo dedicato a Eduardo De Filippo.
Mare, Amore e De Pretore! Sarà una serata speciale, per ricordare ancora una volta da trenta anni dalla scomparsa del grande artista e drammaturgo napoletano Eduardo De Filippo, con un saluto introdotto e connotato da sue composizioni: L’ammore ched’è, ‘O mare e De Pretore Vincenzo. Nasce così uno spettacolo intenso e divertito che Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini conducono sul delicato filo di una memoria che da letteraria e musicale diventa di volta in volta memoria di vita ed esplorazione di sentimenti.

CAROTENUTO1

Pubblico dei grandi eventi, intanto, l’altra sera per la consegna del Premio Barbuti “Mario Perrotta 2015” al decano degli artisti Mario Carotenuto. Nel ricevere la scultura originale, firmata da Nello Ferrigno, il maestro Carotenuto si è detto commosso e felice di un riconoscimento che lo lega ancora di più alla città di Salerno. A consegnargli il premio, nella serata condotta dal giornalista Paolo Romano, l’assessore alla Cultura del Comune di Salerno, Ermanno Guerra.

PEPPE BARRA

 

Prima del suo concerto, Premio Barbuti speciale anche a Peppe Barra, l’ineguagliabile mattatore del palcoscenico è da sempre legato al Teatro dei Barbuti, sin dalla prima edizione della rassegna, oltre trent’anni or sono.  L’artista, per lo speciale anniversario del Teatro fondato da Peppe Natella, ha scritto di suo pugno un testo. Si legge in uno stralcio di Barra: “L’interesse per il buon teatro dei salernitani  è risaputo, ma c’è voluto l’amore di Peppe Natella per dare vita ad un fenomeno culturale durato trent’anni. Era un lontano agosto del 1983 quando fu inaugurato appunto il Teatro dei Barbuti che ha funzionato e che continua a rappresentarsi come punto di riferimento importante di una citta attenta alla cultura come Salerno. Mi ricordo quella bella serata, calda in tutti i sensi, calore del pubblico e caldo d’agosto: gli applausi e tante emozioni, l’amicizia l’energia e l’amore”. Peppe Barra, al quale è stata consegnata una scultura originale della ceramista Laura Marmai, ha ricordato poi come la sua amicizia con Carotenuto sia nata proprio ai Barbuti, complice anche la mamma Concetta raffigurata nel Presepe Dipinto del pittore salernitano. Infine, riconoscimento a Peppe Natella, firmato con un piatto realizzato da CeramicAtelier San Lazzaro.

Link breve:

Scritto da su 24 Agosto 2015. Archviato in Culture, In evidenza, Notizie, Spettacoli, Vetrina. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi