POSTA
Oggi è

Riapre la sede storica dell’Azione Cattolica di Sant’Agostino

Archviato in: Mondo cattolico | Versione stampabile Versione stampabile

In pratica un appartamento, salvato alla lottizzazione del centro storico. Oggi lo si chiamerebbe “spazio multimediale” ma – anticipando i tempi e dando luogo ad un neologismo – da oltre mezzo secolo quello in oggetto è stato uno spazio “multisociale”. Un “quartino” dove, tra le stanze e i pilastri, si poteva perfino giocare a pallone. Passare da un locale all’altro – poche finestre e tanta luce interiore – equivaleva a compiere una sorta di itinerario ludico-creativo-ricreativo, tra pianoforti sonanti, riunioni di catechismo in corso, incontri programmatici di Azione Cattolica, giochi per i più piccoli, partite di biliardino e ping pong, prove di canto. La sede dell’Azione Cattolica di Sant’Agostino appartiene alla memoria collettiva, avendo dato asilo a diverse generazioni di giovani. “Un patrimonio immateriale della città”, sicuramente. Ora, dopo anni di attesa, lo spazio della memoria si rifà il look, pronto per almeno altri cinquant’anni a dare linfa a quanti – bambini, giovani e adulti –  “cercheranno – come affermato più volte dalla presidente dell’Azione Cattolica di Sant’Agostino, Maria Vittoria Lanzara – di vivere il Vangelo nella vita di tutti i giorni, senza fondamentalismi e nella più laica delle accezioni”. Venerdì 31 maggio, al termine dei lavori di ristrutturazione che l’hanno interessata, riaprirà la storica sede dell’Azione Cattolica di Sant’Agostino (Unità Pastorale S. Agostino e S. Lucia) in Largo Dogana Regia, nel centro storico di Salerno. Dopo la recita del Rosario (ore 19.30) nella chiesa di Sant’Agostino, al termine del mese mariano, alle 20.30 ci sarà l’inaugurazione dei nuovi locali, intitolati alla memoria di Mons. Vincenzo Rizzo, per oltre mezzo secolo parroco dell’antico santuario mariano. I nuovi locali, ristrutturati anche grazie ai fondi del bando regionale “Oratori –presìdi di valori”, verranno benedetti da mons. Luigi Moretti, arcivescovo emerito. “Abbiamo rinnovato un luogo che dal 1961 ha visto generazioni di ragazzi e di giovani di Azione Cattolica crescere, incontrarsi, giocare, confrontarsi, camminare insieme per sintonizzare i propri sogni con il Sogno di Dio- spiega don Felice Moliterno, parroco dell’unità pastorale S. Agostino e S. Lucia – Accompagnati da un sacerdote che è stato pastore e amico, nel suo ricordo e sulle sue orme, vogliamo riconsegnare questi ambienti alle nuove generazioni perché si continui a sentire il profumo di casa in un luogo bello ed accogliente per la formazione di uomini e donne che sappiano contribuire all’edificazione del Regno di Dio con la propria creatività e la propria fede”.

Link breve:

Scritto da su 29 Maggio 2019. Archviato in Mondo cattolico. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi