POSTA
Oggi è

Salerno:furto di batterie per ripetitori telefonici

Archviato in: Cronaca,In evidenza,Notizie | Versione stampabile Versione stampabile

Un importante operazione è stata eseguita dagli uomini della Capitaneria di Porto di Salerno, coordinati dalla Procura della Repubblica che ha sgominato un traffico internazionale di batteria per ripetitori telefonici destinato al mercato africano. Dieci in tutto le persone destinatarie di un provvedimento di arresti domiciliari accusate di furto e ricettazione.

Fondamentale nelle indagini il lavoro dell’Interpol che ha ricostruito il percorso dei collegamenti verso Marocco e Togo delle batterie che venivano imbarcate da Salerno verso il continente africano. Il traffico è stato definito dal Procuratore Masini “di primaria importanza a livello nazionale e internazionale soprattutto per fare luce sui blackout ai ripetitori”.La cifra stimata è di 1.300 furti in tutto il territorio nazionale, con 8000 accumulatori sottratti per danno economico di circa tre milioni di euro per il solo reintegro degli accumulatori rubati. Da qui la competenza affidata alla procura di Salerno con Capitaneria e Gdf. L’indagine ha previsto uno studio dei ripetitori che potevano essere oggetto di attenzione: sono state installate apparecchiature GPS per tracciare il percorso delle batterie.

Il fenomeno criminale di riferimento (ossia il furto degli accumulatori in uso alla Telecom e ad altre compagnie operanti nel settore della telefonia) era in rapido aumento in tutto il Paese da Nord a Sud tanto da essere inserito nell’ Osservatorio Nazionale istituito presso il Ministero degli Interni con un protocollo siglato il 9 novembre 2016 da varie forze di Polizia, Agenzia delle Dogane e Confindustria ed alcune società operanti nelle telecomunicazioni e fornitura di energia elettrica

Link breve:

Scritto da su 10 Ottobre 2019. Archviato in Cronaca, In evidenza, Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi