POSTA
Oggi è

Porto di Pisciotta, Guardia Costiera sequestra 500 litri di gasolio agricolo

Archviato in: Cronaca,Dalla provincia,In evidenza,Notizie | Versione stampabile Versione stampabile

Nell’ambito dell’attività investigativa in ambito portuale espletata in diversi porti della costa cilentana da parte del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, l’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro in data odierna ha posto sotto sequestro presso il porto di Pisciotta circa 500 litri di gasolio agricolo utilizzato indebitamente, denunciando il responsabile all’Autorità Giudiziaria per violazioni penali in materia di accise. In particolare il personale operante nell’ambito di controlli tesi a verifiche portuali, insospettiti da strani movimenti presso il porto di Pisciotta hanno sottoposto a controllo un moto yacht ormeggiato presso il molo di sopraflutto. I militari, coadiuvati dal prezioso contributo del personale dell’Agenzia delle dogane di Salerno, durante l’ispezione nei locali motori dell’imbarcazione, notavano che il gasolio visibile dai motori era del tipico colore verde utilizzato per agricoltura e per pesca. Pertanto, si è proceduto immediatamente ha prelevare dei campioni di gasolio per sottoporlo ad esami di laboratorio. Gli esiti degli accertamenti eseguiti, hanno certificato che trattasi di gasolio agricolo il cui utilizzo è destinato esclusivamente per le attività agricole, orticole, silvicolturali, floricole, di allevamento e di itticoltura che prevedono l’utilizzo di macchinari. Riscontrato l’illecito si è proceduto immediatamente al sequestro del gasolio agricolo, prodotto petrolifero che gode di un particolare regime di agevolazione sulle imposte e deferito all’A.G. il responsabile per ipotesi di reato di sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sui prodotti energetici.

Link breve:

Scritto da su 28 Novembre 2019. Archviato in Cronaca, Dalla provincia, In evidenza, Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi