POSTA
Oggi è

I vincitori della 24esima edizione di Linea d’Ombra Festival

Archviato in: Culture,In evidenza | Versione stampabile Versione stampabile

Questa edizione di Linea d’Ombra Festival ha letteralmente messo d’accordo tutti: la giuria tecnica ed i giovani. A dimostrarlo è l’esito delle votazioni al termine della quinta giornata del festival.  Per tutte e tre le sezioni, CortoEuropa, LineaDoc e VedoAnimato, le urne hanno espresso un giudizio unanime. E così per la sezione LineaDoc a lasciare il segno è stato La scomparsa di mia madre, di Beniamino Barrese, film che ha iniziato e chiuso l’anno in maniera trionfale, dal Sundance Film Festival a Linea d’Ombra: per VedoAnimato ha prevalso Sangro, cortometraggio anche questo apprezzato nei festival di settore di tutto il mondo; mentre per CortoEuropa il premio come miglior cortometraggio europeo è stato conquistato dalla Russia con Shell di Anna Ozar.

Ma se i premi sono la naturale conclusione di ogni festival, quello che resta dei cinque giorni di Linea d’Ombra Festival 2019 è l’energia di un festival vivo, con una grande affluenza di pubblico, anche nel cuore della notte, decretando il successo della maratona Nero Italiano, dedicata al cinema horror classico italiano. Incontri con i protagonisti del cinema italiano sempre pieni e di grande interesse, da Marco Risi a Francesco Di Leva, passando per Marina Confalone e Isabella Ragonese. Le sale dedicate ai concorsi hanno avuto un’affluenza costanze e le selezioni sono state apprezzate dal pubblico salernitano, evidentemente avido di una proposta culturale di alto livello. Merito dell’ottimo lavoro fatto dai tre direttori artistici, Giuseppe D’Antonio, Luigi Marmo e Boris Sollazzo, e di tutto il team del festival, che ha sfidato anche le avverse condizioni metereologiche dell’ultimo giorno, culminato nella straordinaria performance della Banda Osiris.

La XXIV edizione di Linea d’Ombra Festival è stata promossa e organizzata dall’Associazione SalernoInFestival con il sostegno della Regione Campania, del Comune di Salerno e di uno sponsor privato (l’agenzia di web marketing Mirò). La direzione artistica è firmata da Peppe D’Antonio, Luigi Marmo e Boris Sollazzo.

Link breve:

Scritto da su 23 Dicembre 2019. Archviato in Culture, In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi