- TDS Tele-Diocesi - https://www.telediocesi.it -

Antifona mariana Stella coeli

Nella Solennità dell’Annunciazione ieri 25 marzo 2020 il nostro Arcivescovo Primate, S.E. mons. Andrea Bellandi, ha inviato alla comunità un audiomessaggio.

In questa bellissima festa vi lascio come regalo un’antifona mariana scritta da un Gesuita nel 1600- ha detto il nostro Arcivescovo- In un’opera pubblicata nel 1712 si narra che  a Coimbra, in Portogallo, nel 1317 le monache del monastero di Santa Chiara temevano una grande epidemia “per essere la loro stanza vicino all’infezione”. Bussò alla porta del monastero un pellegrino nelle cui fattezze le monache riconobbero san Bartolomeo. Il pellegrino diede loro un foglietto raccomandando di recitare l’Antifona mariana che vi era trascritta. Loro recitarono ogni giorn,o sia in coro che individualmente, questa antifona e si salvarono così dall’epidemia di peste. Questa l’Antifona mariana:  “ La Stella del cielo che allattò il Signore distrusse la peste della morte introdotta al mondo dal progenitore degli uomini.

Si degni ora la medesima Stella placare il celo che irato contro la terra distrugge i popoli con la crudele piaga di morte.

O pietosissima Stella del mare scampaci dalle peste, sii propizia alle nostre preghiere o Signora perché il tuo Figlio, che nulla a te nega, ti onora.

O Gesù la Vergine tua madre prega per noi. Salvaci”.