POSTA
Oggi è

Eboli, la Cisl dona due tac per i pazienti contagiati

Archviato in: Cronaca,Dalla provincia,In evidenza,Notizie | Versione stampabile Versione stampabile

In un momento in cui tutti si adoperano a cercare colpevoli e millantare discredito fomentando un clima di agitazione e confusione tra lavoratori ed utenti, è importante dare anche segnali di attivazione dei percorsi a tutela di tutti, cittadini e lavoratori – afferma Emiddio Sparano Sindacalista delegato RSU della CISL FP – Infatti stamattina grazie alla collaborazione della società FUJI è stata attivata una postazione di visualizzazione ed elaborazione dell’ “imaging” radiologico in grado di permettere ai medici del centro Covid 19 di Eboli di avere in tempo reale accesso a tutti gli archivi dei pazienti ricoverati con Covid 19 di tutta l’ASL Salerno. Inoltre è stato messo in funzione un apparecchio radiologico portatile digitale diretto che con sistema wireless che ha permesso e permetterà in futuro la esecuzione di controlli radiografici in totale sicurezza per pazienti ed operatori. Ciò in quanto la tecnologia attuale ci permette la esecuzione e la visualizzazione delle immagini senza uscire dalla zona rossa. Piccoli segnali anche in risposta ai tanti pseudo politici e sindacalisti che si sono defilati dalla guerra di trincea e pontificano come leoni di tastiera dai comodi divani dei loro salotti. Una delle due TAC in dotazione è stata dedicata ai pazienti Covid 19 e sospetti con individuazione di un percorso esterno all’ospedale per la salvaguardia degli operatori e degli utenti, lasciando la seconda TAC per il pronto soccorso e l’urgenza no Covid con percorsi separati. Sappiamo che la strada è difficile e forse sarà lunga per uscire dalla situazione di emergenza in atto, ma tutti noi consapevoli delle difficoltà che stiamo attraversando continuiamo a rivendicare il ruolo partecipativo che ci appartiene sulle scelte che in ogni struttura sanitaria azienda si stanno facendo, anche con forza se occorre. Purtroppo oggi tocca a noi delegati di struttura allertare ed allertarci se ciò non accade consci del fatto che se ciò non avviene è solo perché stiamo decidendo di non partecipare e come spesso accade abbandonare la barca che affonda decidendo di non concorrere invece a salvarla.

Link breve:

Scritto da su 10 Aprile 2020. Archviato in Cronaca, Dalla provincia, In evidenza, Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi