POSTA
Oggi è

Vaccini, occorre la massima trasparenza: la nota della Cigl Campania

Archviato in: Cronaca,Dalla provincia,In evidenza,Notizie | Versione stampabile Versione stampabile

Il buon avvio della campagna di vaccinazione che abbiamo registrato in Campania
rischia di essere seriamente compromesso dal rallentamento nella distribuzione dei
vaccini annunciato e messo in pratica dalle società farmaceutiche.
Il ritardo di un solo giorno potrà determinare un aumento dei decessi nel Paese e
nella nostra Regione penalizzando soprattutto le categorie a rischio come gli anziani.
E’ a tutti noto infatti che dall’inizio della pandemia il 95,6% dei decessi si concentra
nella categoria anagrafica degli over 60. Dal dato risulta evidente quindi che per gli
anziani non c’è un minuto da perdere!
La lotta al Covid’19 è quindi una lotta contro il tempo per salvare delle vite che
altrimenti sarebbero sottoposte ad un concreto e drammatico rischio.
Ciò che occorre quindi è una campagna improntata alla massima trasparenza, svolta
nei tempi previsti e non sottoposta a criteri arbitrari. Inaccettabile da questo punto
di vista, la proposta avanzata da parte della regione Lombardia di rapportare la
distribuzione delle dosi di vaccino tenendo conto del PIL regionale.
La campagna di vaccinazione è mirata a salvare vite umane che non possono
distinguersi rispetto alla loro condizione economica, tale criterio determinerebbe
nei fatti un clima di diffusa barbarie del quale non si avverte alcuna necessità.
Lo SPI-CGIL Campania Napoli è quindi impegnato a vigilare affinché le dosi vaccinali
siano distribuite e somministrate tenendo conto delle linee guida emanate dal
Ministero della Salute, scongiurando pressioni politiche o di ordini professionali che
ne sconvolgerebbero qualsiasi criterio di equità. A tal scopo lo SPI CGIL si riserva di
mettere in campo tutte le iniziative necessarie.

Link breve:

Scritto da su 28 Gennaio 2021. Archviato in Cronaca, Dalla provincia, In evidenza, Notizie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Devi Registrarti ed effettuare il Login per scrivere un commento Accedi